GALILEO CHINI
(Firenze 1873 – 1953)

Maschera siamese, 1913-14 ca.
Olio su tavola, 60 x 47,5

View in room Contatta la galleria

Firmato: “G. Chini […]4

Provenienza: Firenze, eredi Galileo Chini; Roma, Galleria Arco Farnese; Roma, collezione Lucia Stefanelli Torossi; Roma, Collezione privata

Esposizioni e Bibliografia: Galileo Chini. Mostra retrospettiva, Milano, Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, Milano 1977; Galileo Chini e l’Oriente, catalogo della mostra, Salsomaggiore Terme, Roma 1995.

Affermato pittore, decoratore e ceramista, nel 1907 Chini viene chiamato alla Biennale di Venezia per decorare la Sala della Cupola. Tra gli ultimi grandi episodi del gusto simbolista imperante, la sala attira l’interesse del re del Siam Chulalongkorn, che lo vuole a Bangkok per l’erigendo Palazzo del Trono, progettato da Annibale Rigotti e Mario Tamagno. Per tre anni (1911-1914) in Siam, Chini esplora il complesso mondo culturale del paese trasferendo sulla tela le suggestioni fatte di luci, colori e simboli di quella terra esotica. Da subito, la forza emotiva del dato reale lo discosta dal divisionismo e con l’espressione più sciolta e la tavolozza più brillante lascia risuonare più netta la dimensione interiore. Eseguito al termine del soggiorno in Siam, il dipinto si apparenta ad altri di soggetto analogo dove nell’espressione esagerata della maschera, qui messa in risalto anche dall’accennato ‘fuori fuoco’ degli altri oggetti e un più definito linearismo, si coglie l’eco della visione magica dell’Oriente.

Prezzo su richiesta