Special project>Flashback è opera viva

Opera Viva, il Manifesto…Open call

Raffaele Fiorella, Tassoeleonora, edizione 2017, videomapping su manifesto


OPEN CALL PER ARTISTI VISIVI
Scadenza 22 Marzo 2021

Aperti i termini – fino al 22 marzo – per partecipare alla quarta edizione del bando per artisti visivi


OPERA VIVA BARRIERA DI MILANO, IL MANIFESTO
un progetto di Alessandro Bulgini
a cura di Christian Caliandro


>> scarica il bando

Per il quarto anno consecutivo apre il Bando dedicato agli artisti che vogliono mettersi in gioco confrontandosi con il territorio del quartiere Barriera di Milano a Torino.

Dal 2015 sono tantissimi coloro che, con le loro opere, hanno occupato lo spazio affissioni di 6 metri x 3 in piazza Bottesini a Torino. Artisti giovanissimi e artisti affermati, italiani e stranieri, tutti si sono confrontati con il territorio accogliendo la sfida di creare un’opera che fosse capace di entrare con forza e rispetto nelle vite degli abitanti del quartiere, accompagnando giorno per giorno la loro quotidianità.

Quest’anno saranno 8 gli artisti (9 in totale) che, come l’intero progetto “Flashback, l’arte è tutta contemporanea“, sono chiamati a partecipare senza limiti di età o di nazionalità, senza limiti di tempo e di spazio. La giuria incaricata di selezionare i progetti sarà composta, come negli anni precedenti, da artisti, curatori, critici d’arte, direttori di musei.

Il termine per l’invio dei materiali è fissato per il 22 marzo 2021.

Il progetto
Opera Viva Barriera di Milano, il Manifesto è un progetto di arte urbana che aggiunge significato al concetto di arte pubblica in virtù dell’utilizzo del preesistente nel concepire l’opera d’arte; nel caso specifico uno spazio comunale per le pubbliche affissioni (cimasa 50530) di 6x3m a Torino in Piazza Bottesini (Barriera di Milano, quartiere torinese multietnico) è interpretato da artisti nazionali e internazionali durante tutto l’anno. 

Il progetto si sviluppa attorno a un’idea precisa della relazione tra arte e spazio pubblico e della funzione di un’opera all’interno di un contesto e di una comunità urbana. 

Attraverso questa operazione, Flashback, collega zone diverse della città di Torino e zone temporali differenti (l’antico, il moderno, il contemporaneo nel suo farsi), nella convinzione che l’arte debba uscire dagli spazi istituzionali, scendere per strada, inoltrarsi nella realtà, muoversi costantemente in essa, integrarsi felicemente nella dimensione dell’esistenza quotidiana.

Il Manifesto 
Un manifesto di 6x3m nella rotonda di Piazza Bottesini pulsa nel cuore di Barriera di Milano, uno dei quartieri torinesi più interessanti e ricchi di storie, di identità e di futuro grazie a numerosi artisti, diversi tra di loro per formazione e stile, ma accomunati da un approccio originale e innovativo alla pratica artistica.

La diretta streaming
Per ciascun nuovo manifesto una diretta streaming vede coinvolti l’artista protagonista, l’ideatore, il curatore e i responsabili del progetto. Tutti potranno partecipare all’incontro online con possibilità d’intervento che ha lo scopo di approfondire il significato del manifesto, la poetica dell’artista e le motivazioni che lo hanno spinto a confrontarsi con il territorio.

La mostra 
A Torino la prima settimana di Novembre, durante i cinque giorni della manifestazione Flashback,l’arte è tutta contemporanea, le immagini dei manifesti, insieme a tutti i frammenti di vita raccolti, vengono riuniti in un’unica mostra per raccontare questa finestra aperta sul mondo e per il mondo. 

Il talk 
Un appuntamento di confronto sul significato di “arte pubblica” si realizza ogni anno nell’Art Lounge della fiera che giunge nel 2021 alla sua nona edizione: un’analisi sulla funzione dell’opera d’arte come agente-reagente all’interno di una comunità partendo dall’esperienza torinese. 

I lab 
Un progetto didattico, nato con la volontà di ampliare e raccontare le riflessioni sui temi della fruizione dell’arte come esperienza culturale di consapevolezza e cittadinanza, vede il coinvolgimento delle scuole primarie e secondarie del quartiere. Gli studenti saranno protagonisti di un’esperienza in quattro appuntamenti che parte dal racconto e dalla visita ai manifesti realizzati.

>> per ulteriori informazioni: operaviva@flashback.to.it

L’arte è tutta contemporanea…Episodio #12

L’ARTE È TUTTA CONTEMPORANEA EPISODIO #12
“Le battaglie”

Un viaggio tra le opere di Flashback che rappresentano la guerra, i combattimenti a cavallo, i campi di battaglia. 

“Si vis pacem, para bellum.” 
(Vegezio)

Iniziamo il nostro percorso parlando dell’opera dell’autore veneziano Antonio Maria Marini (1668 – 1725) Battaglia – Scontro di cavalleria, un settecentesco olio su tela. Una scena cruenta (uomini e cavalli a terra, soldati con le spade sguainate e le espressioni feroci) si estende in lontananza fino all’orizzonte. L’artista riesce a esprimere il forte dinamismo dei guerrieri, in un campo di battaglia dai colori cupi.

Jaques Ignace Parrocel, classe 1646, pittore e incisore francese dall’anima barocca ci propone invece un dittico: Battaglia e Saccheggio. Nelle due opere colpisce il contrasto tra l’azione feroce e il cielo limpido: morte e orrore contrapposti alla tranquillità di un cielo azzurro cosparso di nuvole leggere. In entrambe appare l’elemento del fiume: nel saccheggio è un elemento distante, mentre nello scontro svolge un ruolo attivo, poiché ostacola cavalli e soldati nella traversata.

La narrazione continua con un’opera di Felice Casorati Studio per scena teatrale, una tempera nera e bianca su carta avana applicata su tela del 1934 circa. L’artista, oltre che pittore fu scenografo e costumista per i più grandi teatri italiani. Quest’opera, che rappresenta una scena di guerra probabilmente medievale, coi cavalieri armati di lance, si ipotizza possa essere messa in relazione con il teatro d’avanguardia “Torino”, voluto dal mecenate Riccardo Gualino. 

Concludiamo la serie di battaglie con un’opera di Pieter De Neyn, un olio su tavola del 1625 circa, la Battaglia sul Fiume. L’artista olandese si dedicò nella sua carriera artistica principalmente alla pittura di paesaggi, guerre e soggetti equestri. Quest’opera ne è un esempio: egli dipinge il letto di un fiume ormai prosciugato, vediamo pochi cavalieri sparsi, perlopiù a coppie, che brandiscono fucili e che incitano i cavalli in una corsa che va oltre il dipinto, verso un luogo che lo spettatore non può vedere.



Nell’immagine, in alto a sinistra: Antonio Maria Marini, Battaglia – Scontro di cavalleria, 1700 – 1710, olio su tela, cm 180 x 230, courtesy of: Galleria Giamblanco (Torino). Segue: Jaques Ignace Parrocel, Battaglia e Saccheggio, 1706, coppia di olii su tela, cm 82 x 118, courtesy of: Secol-Art di Masoero (Torino).
In basso a sinistra: Pieter De Neyn, Battaglia sul Fiume, 1625 ca., olio su tavola, cm 27 x 32, courtesy of Galleria Luigi Caretto (Torino; Madrid). Segue: Felice Casorati, Studio per scena teatrale, 1934 ca., tempera nera e bianca su carta avana applicata a tela, cm 48 x 62, courtesy of Aleandri Arte Moderna (Roma).

L’arte è tutta contemporanea…Episodio #11

L’ARTE È TUTTA CONTEMPORANEA EPISODIO #11
“Elementi dell’universo”

Terra, sole, costellazioni, stelle e anelli planetari nelle opere di Flashback, Edizione Diffusa.

“L’Universo è comunemente definito come il complesso che racchiude tutto lo spazio e ciò che contiene, cioè la materia e l’energia, i pianeti, le stelle, le galassie e il contenuto dello spazio intergalattico.” 
(Wikipedia)

Iniziamo a parlare di elementi dell’universo partendo dalla Terra. L’opera di Claudio Rotta Loria, artista e filosofo torinese, Studio di Equatore (realizzata nel 2001) è la rappresentazione del globo. La sua forma prettamente elicoidale taglia di traverso lo spazio in cui è posta ed emerge dal foglio grazie ai suoi elementi in rilievo come lo spago che taglia in due il globo, definendo precisamente l’equatore. Il colore blu rimanda al colore dell’acqua e del cielo.

Daniel Seiter, artista barocco, aggiunge l’elemento Costellazione al nostro universo con l’opera Diana e Orione, un olio su tela del 1685 ca. La scena raffigurata è quella drammatica della dea che cerca invano di rianimare Orione, rivolgendo il dardo verso Esculapio. Diana, ingannata dal fratello Apollo, geloso dell’amore di lei verso un mortale, lanciò una freccia a un bersaglio lontano, non pensando che fosse il suo amato. Quando si accorse dello sbaglio, fu travolta dal dolore e Zeus, per pietà, trasformò Orione nella costellazione che conosciamo.

Parliamo sempre di Stelle introducendo il disegno del Tappeto Star Ushak, proveniente dall’Anatolia centrale nella seconda metà del XVII secolo. Questo tappeto è caratterizzato da medaglioni stellari alternati a una losanga, che sono disposti in file parallele sfalsate, in modo da creare un effetto di infinito, come l’universo. Ci ricorda la complessità e le forme dello spazio.

E così come i famosi ma misteriosi anelli di Saturno sono composti da oggetti di varia grandezza, i preziosissimi Anelli degli anni ’30 provenienti dagli Stati Uniti sono costellati da una magica scia di pietre preziose, un caleidoscopio di diamanti e smeraldi che illuminano e riflettono luce.

Finiamo il viaggio nell’universo con il Sole, la nostra stella. Salvatore Mangione, detto Salvo, nell’opera Alba (olio su tavola, 1985), dipinge l’astro che sorge in un paesaggio dai colori caldi e vividi, restituendoci una sensazione di pace nell’ammirare gli alberi e le ombre che il sole proietta sul terreno, un nuovo giorno che inizia.

Nell’immagine, in alto a sinistra: Daniel Seiter, Diana e Orione, 1685 ca., olio su tela, cm 174,5 x 155,5, courtesy of: Galleria Giamblanco (Torino). Segue: Stati Uniti, Anelli, 1930 ca., due anelli in platino e diamanti e un anello in platino diamanti e smeraldi, courtesy of Lorenzo e Paola Monticone Gioielli d’Epoca (Torino).
Al centro: Anatolia centrale, Tappeto Star Ushak, seconda metà del XVII sec., cm 440 x 265, courtesy of Mirco Cattai Fine Art & Antique Rugs (Milano).
In basso a sinistra: Claudio Rotta Loria, Studio di Equatore, 2001, acquerello, matita colorata, spago e plastica su A4 Fabriano, cm 21 x 29,7 x2, courtesy of White Lands (Torino). Segue: Salvo, Alba, 1985, olio su tavola, cm 48,5 x 47, courtesy of Claudio Poleschi Arte Contemporanea (Dogana – RSM).

L’arte è tutta contemporanea…Episodio #10

L’ARTE È TUTTA CONTEMPORANEA EPISODIO #10
“Hic sunt pueri”

Ecco i bambini nelle opere di Flashback 2020, Edizione Diffusa. Un’edizione che si sta svolgendo nelle gallerie e sul web dal 3 novembre al 7 marzo prossimo con il titolo Ludens, riferito a coloro i quali sono capaci di modificare il mondo circostante grazie alla propria creatività.

Partiamo con l’opera a matita di Francesco Fontebasso classe 1701, Studio per la testa di un fanciullo (recto), 1730 ca. dalla pennellata ricca e guizzante. L’artista veneziano è stato uno dei maggiori esponenti della pittura veneta del periodo Rococò.

A seguire il Ritratto di Luigi Archinto, 1824 ca. di Pelagio Palagi, olio su tavola del diametro di 25 centimetri, un ritratto che accenna al purismo della prima metà del XIX secolo. Palagi fu artista prolifico e poliedrico: pittore, frescante, architetto, progettista di arredi, ma anche collezionista antiquario e bibliofilo.

Ecce Puer è il titolo dell’incredibile scultura in cera gialla di Medardo Rosso del 1906 ca., una piccola scultura dedicata al mondo dell’infanzia interpretata con gusto impressionista. Il viso appena abbozzato di un fanciullo emerge da una superficie irregolare e frammentata dissolvendosi nello spazio circostante.

Bambini con genitori sono invece presenti nelle opere di Sartorio e Andreotti.

La bellissima e luminosa tela di Giulio Aristide Sartorio Mattinata sul mare del 1927 ritrae l’attrice spagnola Marga Sevilla, sposata da Sartorio in seconde nozze nel 1919, insieme ai loro due giovanissimi figli. La tranquilla scena familiare si svolge a Fregene, luogo verso cui la famiglia si recava la mattina presto nei mesi estivi.

Infine Libero Andreotti con Maternitàdel 1929, un piccolo bassorilievo in pietra d’Istria; l’opera mostra la ricerca della compattezza nella massa plastica. L’evidente stilizzazione delle forme ci comunica la dimensione di un grande abbraccio protettivo.

“Ho smesso di credere a Babbo Natale quando avevo sei anni. Mamma mi portò a vederlo ai grandi magazzini e lui mi chiese l’autografo.”
Shirley Temple

Nell’immagine, in alto a sinistra: Francesco Fontebasso, Studio per la testa di un fanciullo (recto), 1730 circa; Studio per la figura di San Leonardo (verso); Matita nera (recto); penna e inchiostro bruno (verso), cm 35 x 25,8, courtesy of Maurizio Nobile (Bologna; Parigi). Segue: Pelagio Palagi, Ritratto di Luigi Archinto, 1824 ca., olio su tavola, diametro cm 25, courtesy of Piacenti (Londra). Segue: Medardo Rosso, Ecce Puer, 1906 ca., cera, cm 47 x 34 x 20 circa, courtesy of Galleria Russo (Roma). 
In basso a sinistra: Giulio Aristide Sartorio, Mattinata sul mare, 1927, olio su tela, 91 x 202 cm, courtesy of Antonacci Lapiccirella Fine Art (Roma). Segue: Libero Andreotti, Maternità, 1929, pietra d’Istria, cm 70 x 67, courtesy of Galleria Umberto Benappi (Torino).