top of page

Stanze Viventi
Living Rooms

2022 - 

Padiglione A

Stanze Viventi  vuole dare voce agli artisti e alle associazioni dell’area piemontese, mettendo al centro del progetto il territorio, la creazione artistica e la vita.

Il progetto nasce con l’intenzione di riattivare le stanze del Padiglione A dell’ex IPI (brefotrofio cittadino fino agli anni 80) abbandonate dal 2013 e di farlo tramite l’arte.

Le stanze realizzate dagli artisti (parte I)

sono vissute, una volta terminate, da altri: associazioni, artisti, musicisti (parte II).

Snodo fondamentale è il vivere, la vita nelle sue mille sfaccettature, la vita passata dei luoghi, il presente nella relazione dell’artista con l’altro da sé, il futuro con la relazione dell’opera con le vite degli altri.

L’opera che rientra in una logica meramente “espositiva” accetta infatti che il pubblico resti tale, con Stanze Viventi gli elementi del progetto sono strettamente coniugati con la dimensione della vita. Vivere le stanze come un luogo, non come un semplice spazio architettonico: questo è quello che contraddistingue i luoghi dai non luoghi, spazi di attraversamento senza connotazione che tutti noi sentiamo come estranei.

AJP06278.jpg

Parte I Gli artisti/e

Gli artisti per realizzare le stanze si sono confrontati con il progetto di Flashback Habitat, con la storia, con le persone che in corso Giovanni Lanza 75 hanno vissuto parte della loro esistenza e con i futuri abitanti, in un intreccio che valica la mera dimensione artistica per riscoprirsi umano, sociale ed emotivo.

Giulia Berra con Topografia dell'attesa, Sarah Bowyer con Fratelli di Culla, Andrea Caretto e Raffaella Spagna con Thaleia, Elena Corradi con What does it mean to care?, Fannidada con Tracce, Paolo Galetto con civuoleunainfinitapazienzaperaspettareciochenonaccademai, Maria Luigia Gioffrè con Casa Madre, Carlo Gloria con Il Sogno di Andrea, Vittoria Mazzonis con Sui Sensi e sulle Emozioni, Luca Olivieri con Radio Silenzio, Germain Ortolani & Claudia Vetrano con In Loco, LORO (Lorenzo Petrone e Rossana Misuraca) con Still Life, Luisa Raffaelli con Rovesciare, Riequilibrare, Rammendare, Mery Rigo con The Adoption, La Foresta Siamo Noi, Beatrice Sacco con Il passato è qualcosa che può vedere ma non può toccare, Bernat Sansò con In Balia, Michele Seffino con Phonotope #1

Parte II Le Associazioni

Le stanze realizzate dagli artisti sono successivamente date in affidamento alle Associazioni culturali che operano sul territorio per svolgere la loro attività culturale.

Scarica qui la richiesta per l'adozione della stanza

Le "Stanze Viventi" una volta adottate dalle Associazioni sono visitabili su appuntamento

bottom of page